Sceso dalla nave, Jim si portò una mano al viso, abbagliato da quel nuovo mondo che gli si svelava davanti agli occhi. Declivi scarlatti contro un cielo color del grano.
«Ci siamo, Jim,» sospirò, sistemandosi il fagotto sulla spalla, «benvenuto su Marte!»