Adam varcò la porta nascosta nello studio di suo padre: decine di campane di vetro, piene di liquido giallo; dentro ciascuna, un feto semovente.

Si chiamavano tutti Adam.