Archive for February, 2015

L’uomo nell’Oltre

Per circa dieci anni Smith visse da solo. La peste aveva portato via tutto, il silenzio aveva conquistato, strada dopo strada, l’intera città e probabilmente il mondo.
Poi il giorno del suo quarantesimo compleanno, qualcosa d’insolito lo svegliò.
Il suo cellulare. Stava squillando.

Cinquanta sfumature

«È finita, mr Grigio!»
«No, miss Acciaio, aspetta!»
«Senti: mi sono fatta frustare, l’abbiamo fatto su una tavola chiodata, a testa in giù, coi capelli immersi nella pece; guarda, ho accettato anche di vestirmi da scolaretta e farmi sculacciare col Luperini. Ma cosa diavolo è questa
Ti regalerààà dentro il cammino dell’etààà …
«Hai detto che volevi provare qualcosa di crudele!» sbraitò Grigio.
Una spiaggia dove il sole il giorno dopo arriverààà …
«No, Grigio, questa non è crudele. Questo è disumano. Addio.» La porta sbatte con violenza.
E ti stringerà d’inverno dentro un cinema in cittààà …

Tuailàit

Bella accarezzò la gelida pelle di Ed. – Trasformami. Voglio essere come te.
Ed inarcò un sopracciglio. – Intendi morta? Senza bere o mangiare per sempre? Osservando il mondo che conosci mentre lentamente si distrugge?
– Sì, – sospirò Bella, – perché ti amo.
Ed si alzò. – Finiamola qui.
– Cosa?! Ma perché?
– Perché sei stupida.
E Bella non rivide mai più il suo Ed.

Amore eterno

Il vampiro alzò il calice. – Cento di questi giorni, amore mio.
Dall’altra parte del lungo tavolo imbandito, lo scheletro gli sorrise coi denti marci.

Hanno appeso il Duce

Vittorio decise di sfregiarsi con l’acido quel viso che per vent’anni, in segreto, aveva condiviso col fratello Benito, insieme al potere e alla gloria.

Nessuno sapeva. Nessuno avrebbe saputo.

Tredici sulla lista

– Quel lavoro dev’essere mio. – Giulio scorse rapidamente la lista dei candidati. Erano in tredici. – Costi quel che costi.

Piegò la lista e imbracciò il fucile di suo nonno.

.